crimine


Also found in: Wikipedia.

crimine

(ˈkrɪmɪnɪ) or

criminy

interj
archaic slang an expression of surprise
References in classic literature ?
Ideo, domni, coram stryga demonstrata, crimine patente, intentione criminis existente, in nornine sanctoe ecclesioe Nostroe- Domince Parisiensis quoe est in saisina habendi omnimodam altam et bassam justitiam in illa hac intemerata Civitatis insula, tenore proesentium declaremus nos requirere, primo, aliquamdam pecuniariam indemnitatem; secundo, amendationem honorabilem ante portalium maximum Nostroe-Dominoe, ecclesioe cathedralis; tertio, sententiani in virtute cujus ista styrga cum sua capella, seu in trivio vulgariter dicto
La serietAaAaAeA dell'aggua viene accompagnata non solo dall'ironico commento della voce fuori campo, ma soprattutto dalla musica di sottofondo che con il suo ritmo rapido da canzonetta siciliana popolare fa da controvoce, con amara ironia, alla gravitAaAaAeA del crimine.
Con le considerazioni sul finale aperto di questi due romanzi e sul crimine irrisolto del genere antipoliziesco si conclude la prima parte del saggio.
La violenza nella storia con i civili come autori e l'esclamazione, domanda non piu retorica, scaturita da un mondo alla rovescia in cui sono gli esseri umani ad appropriarsi della prerogativa fondamentale del potere costituito: la punizione intesa come spettacolare reazione e repressione del crimine.
amp; iure, supra tractauerimus, & primo de criminibus in adipiscendo magistratum dictum sit, nempe de ambitu, postea de criminibus eorum magistratuum vel curatorum, qui iam creati publicam pecuniam tractant, scilicet de peculatu, nunc merito de crimine repetundarum videndum, quod a magistratibus committitur pecunias subditorum usurpando" (64).
For an overview of the criminal liability of legal persons from the perspective of European Union legislation, see Nicola Selvaggi, Ex crimine liability of legal persons in EU legislation.
26) Sao exemplos a Dissertatio de tortura e foris Christianis proscribenda, de 1705, e a Dissertatio de crimine magiae, de 1701.
O barbe arbiter ac inique iudex Tu quid saepe aciei nihil merenti Mendosae Latiae favere es ausus, Quae in rete ingerere impotens habetur Follem (nam manibus vetatur uti): Quaenam convicia probrosiora Pro tuo crimine, ultor haud benignus, In tuum facinus vomam pudendum?
Requiritur enim quod sit homo, viator, fidelis, adultus, mente preditus, ieiunus deuotus, sine conscientia peccati mortalis, crimine non notatus, corpore mundus, apparitione miraculosa non prohibitus, a ministro ydoneo tempore debito, intentione recta.
Al centro dei suoi romanzi c'e la figura di Auguste Dupin che, votato alla risoluzione dei crimini in cui s'imbatte, dispone una metodologia che considera la ricerca come indagine su ogni aspetto della scena del crimine, apertura a ogni possibile ipotesi, considerazione <<strutturale>> (con elementi e relazioni) dei fatti, senso del sospetto esercitato su tutto (anche su se stessi).
660,3); sexies en Lyon (qui sexsies denos animam sine crimine pertulit, CLE, p.
lt;<II conflitto d'obbligo tra autorita ecclesiastica e autorita statale e il crimine di sesso del presbitero con il minore nella normativa comparata e interordinamentale>>, en MONETA, R (ed.