descrive

descrive

(dɪˈskraɪv)
vb (tr)
1. to describe
2. to write down, inscribe, transcribe
3. to descry
References in periodicals archive ?
Colpisce ancora di piAaAaAeA che Calvino non si limiti a introdur Ariosto nella propria opera, ma arrivi a sovrapporre la propria opera a quella di Ariosto: Cugino, il gigantesco personaggio amico di Pin nel Sentiero, descritto con lunghi "baffi spioventi", ritornerAaAaAeA c gli stessi tratti somatici nel personaggio di Sacripante cosAaAaAeA co Calvino lo descrive nella riscrittura del Furioso.
Il cortile ricompare in una poesia che descrive l'attesa di due innamorati: "Dov'eri?
Cristina Comencini, ne La bestia nel cuore, descrive una societa disarticolata che solo a tratti riesce ad aiutare gli abusati.
Si intuisce gia qui la precisione realistica con cui Marino descrive l'azione bellica parodica, cio che permette ai lettori di apprezzare una realizzazione vivace dello scontro militare.
April 7: Nilda Mesa, director of the Mayor's Office of Sustainability, will present the City's plan of 80x50 and descrive what actions will be taken toward meeting the ambitious climate goal.
Il secondo capitolo descrive come il ruolo attribuito al cervelletto nelle funzioni neurologiche si sia esteso nelle ultime due decadi da quello di un controllo altamente complesso di azioni motorie a quello di controllo e contributo alle piu alte abilita cognitive, neuropsicologiche e sociali.
Dopo una breve prefazione che presenta il lavoro, ne descrive la genesi e ne individua le fondamenta, una prima sezione introduttiva (pp.
Tiana, in cui Filostrato descrive l'attacco notturno subito da
Non vi e dubbio che la ricerca storico-giuridica di maggior rilievo afferente al nostro tema e stata offerta da Carlo Fantappie, docente di storia del diritto canonico presso l'Universita Roma Tre e presso la Facolta di diritto canonico della Pontificia Universita Gregoriana, nel poderoso secondo volume dell'opera Chiesa romana e modernita giuridica laddove, tracciando un quadro molto preciso dei prodromi della prima codificazione canonica e delle <<componenti ideologico-culturali>> del codice, descrive <<la scelta della codificazione, il contributo di Pio X>> e i <<due disegni in parallelo: Pio X e Gasparri>> (6).
In De amore prolis 494 A-B si descrive l'astuzia dell'alcione: esso costruisce il proprio nido in modo cosi preciso che nessun animale piu piccolo o piu grande possa accedervi (16).
Entrambi, pero, sono sfidati e destabilizzati dall'esperienza coloniale, che c ome descrive Fanon (1986), ne mina le fondamenta, mettendo in discussione l'onore della societa magrebina, attraverso le donne, e la capacita di difenderlo da parte degli uomini.
Nel sesto libro, infine, due luoghi in particolare si rivelano degni di attenzione ai fini di questa indagine: il primo e nei versi che spiegano le dimensioni costanti del mare, dove l'aggettivo rarus qualificail corpus della terra e ne descrive la porosita, in un contesto che anche questa volta coinvolge terra e acqua, dal momento che proprio nella consistenza porosa e individuara la peculiarita fisica che consente alia terra di ricevere in se l'acqua del mare, in un ciclo uguale e contrario rispetto a quello per cui l'acqua della terra arriva al mare (6, 631-634):