dirige

(redirected from dirigere)
Also found in: Legal.
Related to dirigere: perdere, succedere

dirige

(ˈdɪrɪˌdʒiː)
n
obsolete another word for dirge
References in periodicals archive ?
Tra il 1934 e il 1943 Giuseppe Prezzolini fonda e dirige II Giornalino, una rivista volta a fornire spunti e materiali didattici per gli insegnanti e studenti di lingua italiana come lingua straniera negli USA e, in particolare, a New York dove lo scrittore si trova a dirigere la Casa Italiana della Columbia University.
A cio va aggiunto che il passamontagna e una modalita grafica idonea per dirigere lo sguardo sia di Elena che del lettore, cioe per restringerlo o espanderlo.
46) <<Theologiae per se competit dirigere ad opus morale et practicum, non autem dirigit ad opus ut proxima regula operandi, sed tanquam ratio superior includens rationem speculativam, ergo etc.
Nei confronti degli uni come dell'altra, il rancore si accompagno spesso alla disistima, sia riguardo alle loro capacita di dirigere, sia riguardo alla loro lealta di comportamento" (Procacci 2000: 126).
Dirge traces back to the Latin word dirigere, meaning "to direct.
Neque enim iter pedes dirigere poterunt, nisi alterna vice leventur et ponantur].
Il giovanotto diciottenne evidentemente, a differenza di Dafni, non ha bisogno di alcun pretesto per dirigere la propria mano dove piu gli piace, ne la ragazza, una volta superata la ritrosia iniziale, ha bisogno di scuse per incoraggiarlo.
Alle medesime condizioni erano altresi create scuole speciali <<intese a rendere, con insegnamenti e con esercizi pratici, i giovani atti a dirigere e a migliorare una o pio industrie agrarie>> (art.
4) De las raices latinas rectum, directum, dirigere, regere, que significan guiar, apacentar, y tambien regir, gobernar.
Ciononostante, la teoria deve dirigere la raccolta dei fatti, dal momento che la raecolta indisciplinata dei fenomeni e un esercizio a-scientifico.
Respectu vero sui actus, maxime illius qui est scire ea quae post principia, non est proprie potentia naturalis, sed rationalis, quia scire conclusiones non contingit homini nisi via rationalis inquisitionis et investigationis, quae valet ad opposita, quia in ea potest errare et dirigere.