lamenter

(redirected from lamenta)
Also found in: Thesaurus, Legal.
Related to lamenta: laments

la·ment

 (lə-mĕnt′)
v. la·ment·ed, la·ment·ing, la·ments
v.tr.
1. To express grief for or about; mourn: lament a death.
2. To regret deeply; deplore: He lamented his thoughtless acts.
v.intr.
1. To grieve audibly; wail.
2. To express sorrow or regret. See Synonyms at grieve.
n.
1. A feeling or expression of grief; a lamentation.
2. A song or poem expressing deep grief or mourning.

[Middle English lementen, from Old French lamenter, from Latin lāmentārī, from lāmentum, lament.]

la·ment′er n.
ThesaurusAntonymsRelated WordsSynonymsLegend:
Noun1.lamenter - a person who is feeling grief (as grieving over someone who has died)lamenter - a person who is feeling grief (as grieving over someone who has died)
unfortunate, unfortunate person - a person who suffers misfortune
pallbearer, bearer - one of the mourners carrying the coffin at a funeral
wailer - a mourner who utters long loud high-pitched cries
weeper - a hired mourner
References in periodicals archive ?
Si veda a tal proposito la lettera in cui lamenta di non potere--proprio in quanto donna--accedere ai codici danteschi conservati nel Vaticano, e quindi portare avanti i suoi studi.
Si legga ad esempio quello che scilve il benemerito e compianto Marziano Guglielminetti (Universita di Torino), il quale non solo lamenta la carenza dell'aggiornamento "sui grandi temi della cultura italiana letteraria" (319)--e qui siamo tutti d'accordo--dichiarando morta "la critica militante di antica estrazione", ma auspica una critica che sia in grado di restituire il senso della vitae dell'essere: "primaria e l'esigenza di una critica che in qualche modo mi restituisca il senso del tempo in cui vivo e da cui dipendono tutte le mie scelte fondamentali" (320).
contenuta in Autobiografie altrui, e uno scrittore di una certa eta che, rivolgendosi alla donna amata, lamenta il fatto che i suoi libri siano ignorati dal pubblico: "A chi vuoi che interessi pig oggi, nel cosiddetto postmodernismo, il neorealismo del memoriale romanzato di un vecchio resistente?
Mentre da un lato si lamenta la scarsa attenzione data in questo paese a una riflessione dialettica sul passato coloniale, (5) dall'altro si notano oggi, in alcuni studiosi e ricercatori, una sensibilita ed una apertura nuove, un rinnovato interesse a partecipare al dibattito sulle problematiche post-coloniali e a elaborare una coscienza criticamente obiettiva dei periodi meno gloriosi della nostra storia recente.
Nella conversazione con il funzionario dell'istituto di cultura einese l'lo narrante si lamenta "Perche qui, invece, tutti vogliono diventare scrittori, ma nessuno vuole leggere un libro sulla vita degli scrittori
Nei dialoghi del testo si lamenta la caduta del mito (la leopardiana caduta della Luna come in Odi Melisso) e si ricerca per diverse vie (magiche e scientifiche) l'immortalita.
Quello che segue al Sessantotto e, come lamenta Pautasso in conclusione al libro, la dispersione di una "dimensione romanzesca nostrana" (145) e, sebbene vengano tuttavia scritti romanzi che possono vantare un certo spessore letterario, si tratta ormai di manifestazioni pur sempre isolate.
Alla polemica del poeta di Recanati che lamenta la mancanza di vitalita del suo tempo, Paulicelli integra un processo memoriale che lega il passato alla capricciosa fantasmagoria della civilta dei consumi.
Infine, il lamento di Maria allorche, sposando Giuseppe, teme di perdere la propria castita ("--Cuor mio--dicea--ben hai ragion s'un fiume / mandi di pianto amar per gli occhi fuore, / s'or or verra ch'il nostro fior consume; / chi sfoglie, dico, e sfrondi il gentil fiore, / flor da' miei tener'anni sol nudrito / di pensier casti e grazioso umore" [II 6, 79-84]) riprende ancora movenze ariostesche: esso rimanda infatti all'episodio di Orlando che lamenta la perdita di Angelica: "--Cor mio (dicea), come vilmente teco / mi son portato
Sin duda, muy instructivo resulta su trabajo, pero se lamenta la defectuosa reproduccion de ventiseis paginas de manuscritos ilustrados, la mayor parte provenientes de Florencia.
Si tratterebbe quindi di versi volutamente oscuri per evitare l'accusa di blasfemia ma che spiegherebbero perfettamente il mancato guiderdone di cui Francesco si lamenta.