mansuete

mansuete

(ˈmænsweɪt)
adj
gentle or tame
References in periodicals archive ?
L'altro [linguaggio] si chiama allegorico e questo e quello che si nasconde sotto'l manto di queste favole, ed e una veritade ascosa sotto bella menzongna: come quando dice Ovidio che Orfeo facea con la cetera mansuete le fiere, e li arbori e le pietre a se muovere; che vuol dire che lo savio uomo con lo strumento de la sua voce faria mansuescere e umiliare li crudeli cuori, e faria muovere a la sua volontade coloro che non hanno vita di scienza e d'arte: e coloro che non hanno vita ragionevole alcuna sono quasi come pietre (55).
lines 39-41: "Or dentro a una gabbia / fiere selvagge et mansuete gregge / s'annidan si che sempre il miglior geme," as well as the iterated motif of foreign invasion met by the inepitude of Italian princes); and Dante, Paradiso 27 (see esp.