ritenuto

(redirected from ritenuti)
Also found in: Thesaurus.

ritenuto

(ˌrɪtəˈnuːtəʊ)
adj, adv
1. (Classical Music) held back momentarily
2. (Classical Music) another term for rallentando
Abbreviation: rit
[C19: from Italian, from past participle of ritenere, from Latin retinēre to hold back]
Collins English Dictionary – Complete and Unabridged, 12th Edition 2014 © HarperCollins Publishers 1991, 1994, 1998, 2000, 2003, 2006, 2007, 2009, 2011, 2014
ThesaurusAntonymsRelated WordsSynonymsLegend:
Adj.1.ritenuto - gradually decreasing in tempo
decreasing - music
Based on WordNet 3.0, Farlex clipart collection. © 2003-2012 Princeton University, Farlex Inc.
References in periodicals archive ?
Doveri non giuridici, doveri specifici e peculiari e doveri secondari o accessori non possono sicuramente essere ritenuti fondamentali.
La disposizione si sofferma sugli aspetti procedimentali, prevedendo l'obbligo di trasmissione degli atti alle Camere, immediatamente dopo la loro adozione, se ritenuti maggiormente rilevanti in termini di impatto, per numero di operatori potenzialmente coinvolti, riconducibilita a fattispecie criminose, situazioni anomale o comunque sintomatiche di condotte illecite da parte delle stazioni appaltanti.
Acqua-vino-sangue costituiscono una triade che e dato ritrovare in numerosi rituali anche extraeuropei ritenuti atti a impetrare la pioggia.
Ritenuti italiani dai parlanti anglofoni, i falsi italianismi sono indubbiamente indice del prestigio attribuito alla nostra sapienza gastronomica (Perissinotto 265).
Sono in corso ulteriori studi ritenuti necessari per validare i risultati fin qui ottenuti e per esplorare nuovi potenziali campi di applicazione.
(11) Erano detti untori coloro i quali erano ritenuti responsabili di diffondere intenzionalmente la peste tramite unguenti venefici.
In Parmenide, infatti, il verso in questione precede una breve lista di voci: a essere ritenuti veri dai mortali (ma che la Dea protagonista del poema avverte essere nient'altro che nomi) sono "nascere e morire, essere e non essere, cambiare luogo e mutare colore risplendente" (B8.40-41).
Nel secondo libro la gerarchia si apre alle "arti" (2.2242), a tutti quei lavori che coinvolgono l'operosita, ovvero quelli manuali e salariati, (23) ritenuti non del tutto sottoposti al dominio della fortuna.
Alla luce di queste osservazioni forse si potrebbe incominciare a riflettere a proposito della simpatia della Santa Sede nei confronti degli Imperi Centrali, per considerare qualche altro fondamento, oltre a quello storiograficamente consolidato secondo il quale per il papato la caduta di quei regimi sarebbe stata negativa poiche avrebbe lasciato spazio all'affermarsi nel continente europeo di Paesi ritenuti ostili al cattolicesimo.