una corda


Also found in: Thesaurus, Wikipedia.

u·na cor·da

 (o͞o′nə kôr′də)
adv. & adj. Music
With the soft pedal of the piano depressed. Used chiefly as a direction.

[Italian : una, one + corda, string (so called because depressing the soft pedal causes only one string to be struck of the two or three provided for each note).]

una corda

(ˈuːnə ˈkɔːdə)
adj, adv
(Music, other) music (of the piano) to be played with the soft pedal depressed
[Italian, literally: one string; the pedal moves the mechanism so that only one string of the three tuned to each note is struck by the hammer]

u•na cor•da

(ˈu nə ˈkɔr də, -dɑ)
adv., adj.
with the soft pedal depressed (a musical direction in piano playing).
[1840–50; < Italian]
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
The book concludes with an arrangement of "Over the Rainbow" using the damper and una corda pedals with hands playing together and shifting positions.
Moreover, he displayed a judicious use of the pedal to carve out those soft passages (as in una corda) that glowed with sunshine brilliance.
And there's Backwards, featuring ex-members of Beestung Lips, Una Corda and Napalm Death.
sou ripiano inferiore conteneva una sacca di plastica legata da una corda. Sembrava piena di cose pesanti, e certo era deformata del peso, come la membrana del sio sogno, quella che si riempiva di pietre.
Nel frattempo, il violinista mulatto, che a tentoni era andato ad occupare il suo solito posto nell'angolo dei musicanti, aveva imbracciato il violino e accennava a qualche passaggio de 'El choclo', ma il motivo che ne usciva era sfilacciato ed inconcludente come se mancasse una corda al suo strumento.
For instance, for a statement like "Beethoven used the una corda extensively" (p.
Meldolesi, che di seguito si rifa all'esempio di Alfieri, poeta che "indusse i suoi interpreti a rivivere, nell'intimo, l'origine delle sue tragedie" (21), sostiene che poeta e attore siano legati da "una corda comune": "L'attore e un po' poeta, se e profondo; e vari poeti sono un po' attori, a cominciare da quelli che amano leggere le loro liriche in pubblico per bisogno di figurarsi il completamento del fruitore" (21).